DemoConsigliera Nazionale di ParitàRegione Puglia

  • Home

In attesa dell'8 Marzo

Le Consigliere di Parità ritengono che la violenza contro le donne sia un problema strutturale della società e che la sua radice risiede anche nelle discriminazioni di genere presenti in diversi ambiti della vita quotidiana di moltissime donne quindi, anche in ambito lavorativo.

 

Scarica il comunicato

Conferenza stampa:"UN’AGENDA PER LE DONNE di Puglia

 

"il 21 aprile, alle ore 11.30 presso la sede dell'Ufficio della Consigliera di Parità in via Gobetti 26 - sala riunione 1 piano,  le Consigliere Regionali di Parità Serenella Molendini consigliera effettiva e Teresa Zaccaria consigliera supplente, terranno una conferenza stampa per relazionare sulle attività svolte nel 2015 e su quelle del 2016 in corso e future e sulla necessità di attivare un'AGENDA DELLE DONNE che riporti al centro il LAVORO e l'occupazione femminile. "

 

pdf  Comunicato Regione

 

pdf  Presentazione conferenza stampa pdf

Bonus Asili e Baby sitter – La domanda all’INPS per il 2016

Dal 1° febbraio 2016 è possibile richiedere all'INPS il contributo 2016 per pagare l'asilo nido o la baby sitter, come alternativa alla fruizione del congedo parentale. Bonus madri lavoratrici per assunzione baby sitter o iscrizione asilo nido è infatti confermato dalla Legge di Stabilità (L. 28/12/2015, n. 208, art. 1, c. 283) anche per il 2016. Ad essere interessate dal bonus sono le lavoratrici dipendenti dei pubblico e privato, le parasubordinate o le libere professioniste iscritte alla gestione separata.

Si tratta di un contributo pari 3.600 euro complessivi (600 euro al mese per sei mesi) per le lavoratrici dipendenti e 1.800 euro complessivi (600 euro al mese per tre mesi) per le parasubordinate o le libere professioniste. Per le dipendenti in part-time il contributo sarà proporzionale all’orario di lavoro.

Il bonus è riconosciuto se viene chiesto entro gli 11 mesi successivi al rientro in servizio ed è erogato alle sole mamme che tornano al lavoro e scelgono di non prolungare l’assenza con il congedo parentale.

Il pagamento del voucher avviene in due differenti modalità.

Per il servizio di baby sitting gli uffici forniscono i voucher e al termine della prestazione lavorativa la lavoratrice provvede a firmarli e a intestarli alla baby sitter, riportandone le generalità, il codice fiscale e il periodo della prestazione. L’incasso dei buoni da parte della baby sitter potrà avvenire in qualsiasi ufficio postale.

Per gli asili nido, invece, è l’INPS che intrattiene il rapporto direttamente con le strutture e provvede al pagamento a seguito di presentazione della relativa documentazione.

 

Le domande possono essere presentate fino al 31/12/2016, fino ad esaurimento fondi (20 milioni di euro).

E’ disponibile la procedura telamatica Inps per richiedere il contributo economico.

Per il momento non possono fare domande le lavoratrici autonome e le imprenditrici per le quali sono previsti 2 milioni di euro, per le quali è atteso un decreto interministeriale che stabilità modalità e criteri di accesso al bonus.

 

In allegato Avviso INPS con Istruzioni per accedere ai contributi per il 2016. 

pdf AVVISO INPS CON INSTRUZIONI