DemoConsigliera Nazionale di ParitàRegione Puglia

Consigliera

La Consigliera regionale - Chi è la Consigliera di Parità

Dott.ssa Serenella Molendini - Consigliera di Parità della Regione Puglia

Dott.ssa Serenella Molendini - Consigliera di Parità della Regione Puglia

La normativa di riferimento in merito a compiti, funzioni, organizzazione del lavoro è il D. lgs.11 aprile 2006, n.198 - "Codice di pari Opportunità tra uomo e donna" - capo IV "Consigliere e Consiglieri di parità" (art. 13-21), integrato con il D. lgs 25 gennaio 2010 , n. 5 Attuazione della direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego (rifusione) e con la Convenzione stipulata (22.11.2001) tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministro delle Pari Opportunità, le Regioni, le Province e i Comuni.

La Consigliera di Parità regionale è nominata, con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro per le Pari Opportunità, su designazione della Regione, sentite la commissione regionale Politiche del Lavoro di cui agli articoli 4 e 6 del decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469.

La Consigliera di parità deve possedere requisiti di specifica competenza ed esperienza pluriennale in materia di: lavoro femminile, parità, pari opportunità e mercato del lavoro.

Tale figura istituzionale rappresenta il "presidio" del mercato del lavoro dal punto di vista delle pari opportunità e in quanto tale si relaziona con gli altri soggetti chiave del territorio.

Per ogni consigliera o consigliere si provvede altresì alla nomina di un supplente che agisce su mandato della consigliera o del consigliere effettivo ed in sostituzione della medesima o del medesimo.

In Regione Puglia la Consigliera di Parità effettiva è la dott.ssa Serenella Molendini (D.M. 12.10.2012) - (curriculum), la Consigliera di Parità supplente è Teresa Zaccaria (D.M. 15.10.2010).

Decreto legislativo n.198/2006 e successiva integrazione dlgs.n°5/2010 ( allegato pdf, 130 kb )

 

Contatti:

Ufficio Consigliera di Parità Regione Puglia

Via Gobetti, 26

70125 BARI

Tel.: 080-5406451

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Consigliera regionale - Cosa fa la Consigliera di Parità?

La Consigliera di Parità, è una figura strategica ai fini dell'attuazione degli obiettivi di parità in virtù del suo radicamento territoriale che la rende idonea a rilevare, nei diversi contesti locali, le situazioni di squilibrio di genere nell'accesso al lavoro, nella formazione e nelle condizioni di lavoro.

Compiti e funzioni ( Dlgs 198/2006 e integrazione del Dlgs 5/2010)

La consigliera di Parità intraprende ogni utile iniziativa ai fini del rispetto del principio di non discriminazione e della promozione di pari opportunità per lavoratori e lavoratrici, svolgendo in particolare i seguenti compiti:

a) rilevazione delle situazioni di squilibrio di genere, al fine di svolgere le funzioni promozionali e di garanzia contro le discriminazioni nell'accesso al lavoro, nella promozione e nella formazione professionale, ivi compresa la progressione professionale e di carriera, nelle condizioni di lavoro compresa la retribuzione, nonché in relazione alle forme pensionistiche complementari collettive di cui al decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252;

b) promozione di progetti di azioni positive, anche attraverso l'individuazione delle risorse comunitarie, nazionali e locali finalizzate allo scopo;

c) promozione della coerenza della programmazione delle politiche di sviluppo territoriale rispetto agli indirizzi comunitari, nazionali e regionali in materia di pari opportunità;

d) sostegno delle politiche attive del lavoro, comprese quelle formative, sotto il profilo della promozione e della realizzazione di pari opportunità;

e) promozione dell'attuazione delle politiche di pari opportunità da parte dei soggetti pubblici e privati che operano nel mercato del lavoro;

f) collaborazione con le direzioni regionali e provinciali del lavoro al fine di individuare procedure efficaci di rilevazione delle violazioni alla normativa in materia di parità, pari opportunità e garanzia contro le discriminazioni, anche mediante la progettazione di appositi pacchetti formativi;

g) diffusione della conoscenza e dello scambio di buone prassi e attività di informazione e formazione culturale sui problemi delle pari opportunità e sulle varie forme di discriminazioni;

h) verifica dei risultati della realizzazione dei progetti di azioni positive previsti dagli articoli da 42 a 46;

i) collegamento e collaborazione con gli assessorati al lavoro degli enti locali e con organismi di parità degli enti locali.

 

La Consigliera di parità è un "pubblico  ufficiale" ed ha l'obbligo di comunicare all'autorità giudiziaria le violazioni di cui viene a conoscenza.

 

La Consigliera di parità svolge una funzione di vigilanza che si esplicita:

nella facoltà di ricorrere ad azioni in giudizio su delega della persona che ha interesse ad avviare il procedimento;

nel controllo dell'attuazione del principio di non discriminazione, in particolare attraverso l'acquisizione di informazioni sullo stato della assunzioni, delle retribuzioni e più in generale delle condizioni di lavoro al fine di rilevare situazioni di squilibrio di genere.

 

Chi può rivolgersi alla consigliera di parità:

  • Donne e uomini i quali pensano di essere trattati in modo discriminante;
  • Organizzazioni sindacali;
  • Imprese;
  • Enti pubblici.

La Consigliera di parità è una risorsa per:

DONNE

  • Individuazione delle situazioni lavorative discriminanti;
  • Promozione di azioni in giudizio in difesa della lavoratrice;
  • Informazione sulle azioni positive volte a garantire pari opportunità nell’accesso al lavoro, nella formazione, nella carriera;
  • Conoscenza degli strumenti che favoriscono la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro;

IMPRESE

  • Finanziamenti previsti dalla Legge 125/91 e D.Lgs. 198/06 per presentare progetti di azioni positive per le donne;
  • Incentivi economici e contributi previsti dall’art. 9 della Legge 53/00 volti a promuovere forme di flessibilità finalizzate a conciliare tempi di vita e di lavoro;
  • Costituzione di organismi di parità;
  • Consulenze in materia di Pari Opportunità;

ENTI PUBBLICI

  • Realizzazione dei piani triennali di azioni positive ai sensi del D.Lgs 196/00;
  • Informazione sui CUG ( Comitati Unici di Garanzia); Promozione della coerenza della programmazione delle politiche di sviluppo territoriale rispetto agli indirizzi comunitari, nazionali e regionali in materia di pari opportunità;

SINDACATI

  • Condivisione di progetti relativi agli scopi previsti dalle normative in tema di pari opportunità;
  • Concertazione di azioni positive previste dalla 125/91 e dal D.Lgs. 196/00;
  • Contrattazione di II livello
  • Rilevazione delle situazioni di squilibrio di genere.

La Consigliera Regionale - Con chi collabora la consigliera di parità

La Consigliera regionale di Parità è componente di diritto della commissione regionale Politiche del Lavoro prevista dagli articoli 4 e 6 del citato decreto legislativo n. 469 del 1997; partecipa altresì ai tavoli di partenariato locale ed ai comitati di sorveglianza ( FSE e FESR ) di cui al regolamento (CE) n. 1260/99,del Consiglio del 21 giugno 1999.

La Consigliera di parità fa parte della RETE NAZIONALE DELLE CONSIGLIERE di PARITA’.

La Consigliera di parità fa, inoltre, parte dei seguenti Tavoli/Organismi regionali:

  • Osservatorio sulla salute di genere;
  • Tavolo di partenariato per le Politiche di Genere - presso il Servizio Benessere e Pari Opportunità;
  • Comitato Pari Opportunità Corte d’Appello di Bari;
  • Comitato Pari Opportunità Corte d’Appello di Lecce;
  • Tavolo conciliazione e welfare aziendale;
  • Commissione Regionale Pari Opportunità.

Le Consigliere Provinciali

Bari

Stella Sanseverino (effettiva)
Lucia Grieco (supplente)

Ufficio Consigliere di Parità Provincia di Bari
Via Spalato, 19 - 70010 Bari
Tel. 080/5412532
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

BAT

Stefania Campanile (effettiva)
Vittoria Rutigliano (supplente)

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Brindisi

Gioconda Nani (supplente)

Palazzo della Provincia - Ufficio Consigliera di Parità
Piazza Santa Teresa - 72100 Brindisi
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lecce

Filomena D'Antini (Effettiva)
Alessia Ferreri (Supplente)

Provincia di Lecce - Palazzo Adorno
Via Umberto I - 73100 Lecce
Tel. 0832/683212
Referente: Anna Maria Contino
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.consiglieraparitalecce.it

Foggia

Antonietta Colasanto (effettiva)
Marsia Cusenzia (supplente)

Provincia di Foggia

Via Telesforo, 25 - 71122 Foggia
Tel 0881/791500

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.consiglieradiparita.provincia.foggia.it

Taranto

Barbara Gambillara (effettiva)
Giuseppina Di Cesare (supplente)

 

Provincia di Taranto - Ufficio Consigliera di Parità

Via Anfiteatro, 4 -74100 Taranto
Tel.: 099-4587360
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.provincia.taranto.it/organi_istituzionali/consigliere_parita.php